E tu, come stai? Nasce lo sportello ascolto

Un ascolto qualificato per i cittadini limbiatesi che hanno subito un contraccolpo psicologico a causa del difficile periodo di emergenza sanitaria che stiamo vivendo.

E’ questo l’obiettivo del progetto “E tu, come stai? Ascoltiamoci”, lanciato dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con la cooperativa Comondo e #Lopsicologotiaiuta, e possibile grazie alla professionalità di un gruppo di psicologhe che, durante il lockdown della scorsa primavera, hanno messo a disposizione gratuitamente il proprio tempo per dare supporto telefonico alle persone che le contattavano attraverso il sito internet comunale. “L’emergenza sanitaria, le chiusure, gli isolamenti forzati, l’allontanamento dagli affetti, le inattività – commenta il Sindaco Antonio Romeo – hanno rilevato un mondo di fragilità psicologiche individuali, oltre che di gruppo, che noi abbiamo registrato e monitorato con il gruppo di psicologhe che hanno operato nel mese di marzo. Dallo studio di questi dati, con lo staff dei collaboratori comunali abbiamo lavorato al progetto che partirà il 17 novembre e che, siamo certi, sarà apprezzato e ci aiuterà ad offrire un’ulteriore risposta ai bisogni di parte della collettività”.

 

COME FUNZIONA L’ASCOLTO

Ogni percorso comprenderà cinque colloqui telefonici gratuiti (della durata di 45 minuti ciascuno) con le psicologhe. Le psicologhe, oltre all’ascolto e al supporto, sapranno fornire utili informazioni e indicazioni rispetto ad attività o strutture specifiche per un determinato problema, aumentando la consapevolezza di ognuno nei confronti dei propri bisogni.

Lo sportello di ascolto sarà aperto nelle mattinate di martedì (dalle 9.30 alle 13.30) e di giovedì (dalle 8 alle 12), a partire dal prossimo martedì 17 novembre.

Come accedere:

  • scrivendo una mail all’indirizzo tucomestai@comune.limbiate.mb.it
  • telefonando al numero 02.99097559 e lasciando un messaggio in segreteria
  • compilando il questionario preventivo disponibile all’indirizzo www.comune.limbiate.mb.it/ascoltiamoci   e richiedendo di essere contattati per avviare un percorso