Napoleone 2021

In una ricorrenza importante come quella che celebra Napoleone Bonaparte a duecento anni dalla morte, l’Istituto di Istruzione Superiore “L. Castiglioni” e il Comune di Limbiate hanno realizzato la mostra-spettacolo “Napoleone 2021” con la collaborazione della Provincia di Monza e della Brianza.  

Considerate le frequentazioni napoleoniche di Villa Crivelli e la storia di questa nobile dimora di proprietà della provincia di Monza e Brianza, oggi sede della scuola agraria, le celebrazioni non potevano mancare in un anniversario così importante. 

Facendo tesoro dell’esperienza maturata durante la pandemia e con il desiderio di salvaguardare la salute di tutti i partecipanti, l’idea di celebrazione si è presto tradotta nell’allestimento di una mostra-spettacolo improntata all’utilizzo della tecnologia

La Villa sarà riportata al suo “antico splendore” mediante la ricostruzione fedele di arredi e costumi all’interno di scenografie immersive riprodotte virtualmente. I personaggi riprenderanno vita attraverso un costante dialogo teatrale con il pubblico, che avrà accesso alla mostra in piccoli gruppi da 10 persone, ripercorrendo la storia e gli eventi che si sono succeduti in Villa Crivelli all’epoca di Napoleone

Come ogni anno avrà luogo una rievocazione storica del matrimonio delle sorelle Paolina ed Elisa Bonaparte, celebrato nel 1797 all’interno dell’Oratorio di San Francesco situato a fianco della Villa. Quest’anno l’evento sarà a porte chiuse, vista la situazione epidemiologica. Per permettere a tutti la visione verrà girata una ripresa in notturna dell’evento a cura del “Comitato Napoleone a Mombello”, successivamente proiettata negli spazi della mostra.

La mostra-spettacolo sarà corredata dall’esposizione di una graphic novel a cura degli studenti, da una serie di concerti di musica classica en plein air e da numerose curiosità che gli avventori potranno scoprire visitando “Napoleone 2021” dall’8 maggio al 13 giugno.

Per l’occasione è stata inoltre registrata in video una breve storia della pala d’altare del pittore cinquecentesco Bernardino Campi: si tratta di un’opera che rientra nel patrimonio immobiliare della Provincia MB, in origine collocata sopra l’altare maggiore nell’Oratorio di San Francesco all’interno del complesso di Villa Crivelli, oggi in deposito temporaneo presso la sede della Città Metropolitana a Palazzo Isimbardi a Milano. 

Ogni anno celebriamo la storia locale valorizzando il ricco patrimonio limbiatese – dichiara il Sindaco Antonio Romeo e ancor più quest’anno, nel duecentesimo anniversario della morte di Napoleone, grazie alla collaborazione e al dialogo con persone che condividono il desiderio di promuovere la cultura sul territorio. Poter visitare i luoghi vissuti da Napoleone a Limbiate è un’esperienza eccezionale che immancabilmente consiglio.”

La Preside Viviana Guidetti esprime la propria soddisfazione: “L’Istituto Castiglioni da me diretto ha la fortuna di essere ubicato in un contesto particolarmente ricco dal punto di vista storico, artistico e naturalistico. Gli studenti, i docenti e tutto il personale della scuola hanno sempre contribuito, con progetti didattici mirati, a valorizzare questo contesto con iniziative rivolte sia all’utenza sia al territorio ed hanno colto l’opportunità della ricorrenza del bicentenario della morte di Napoleone per ridare vita alla Villa, grazie anche al contributo di esperti esterni (regista, videomaker e proiezionista) di alta professionalità”.

La Provincia MB partecipa e sostiene con piacere questo progetto culturale che, aprendo le porte di Villa Crivelli ad un pubblico più vasto, contribuisce a valorizzare e rendere fruibile un gioiello architettonico ed artistico di proprietà provinciale. Con la manifestazione “Ville Aperte in Brianza”, infatti, la Provincia ha avviato da anni un percorso di scoperta e promozione dei beni del territorio che diventano contenitori di eventi di qualità grazie all’impegno delle amministrazioni locali, delle scuole, e delle tante associazioni. Questa mostra, in particolare, ci permette di riportare, seppur virtualmente, nella sua sede originaria anche un’opera pregevole come questa di Bernardino Campi, rappresentante della scuola pittorica tardo cinquecentesca lombarda. Anche questo è un modo per riscoprire la storia della Villa e respirare quel clima colto e raffinato della nobiltà del tempo.” – aggiunge il Presidente della Provincia MB Luca Santambrogio.

L’iniziativa, infatti, è stata inserita tra le azioni di valorizzazione del patrimonio culturale promosso attraverso il progetto “Ville Aperte in Brianza” coordinato dalla Provincia di Monza e Brianza. La Mostra, inoltre, è patrocinata da Regione Lombardia, dal Consolato francese e dall’Institut français Milano. Il concerto inaugurale (una riduzione in francese e italiano della Carmen di Bizet) sarà a cura dell’Associazione culturale “Nuovi Confini” con il contributo economico di Carrefour Italia, mentre i concerti domenicali saranno eseguiti dagli studenti del Liceo Musicale “B. Zucchi” di Monza.

Il progetto “Napoleone 2021” parte da una consapevolezza: una comunità scolastica e territoriale che non ricorda e valorizza il suo passato è destinata a perdere progressivamente identità e vitalità. Nel destino di Villa “Pusterla Crivelli” di Limbiate, ex corte napoleonica ed ora sede dell’IIS “Luigi Castiglioni”, si sono alternati periodi di splendore e ricchezza a tempi di decadenza ed abbandono, ma sarebbe molto triste se, proprio quest’anno, in occasione del bicentenario della morte di Napoleone, che coincide purtroppo con un momento così drammatico per tutti noi, la nostra “nobile dimora” dovesse subire anche il destino di un forzato oblio.

Sulla base dell’esperienza dell’anno scorso, il Castiglioni ha subito avuto piena consapevolezza del fatto che, per tutelare la sicurezza della collettività, nella proposta di un evento commemorativo su Napoleone, doveva trovare nuove strategie comunicative, non legate alla presenza, ma fondate sull’ausilio della tecnologia. La nostra proposta per le celebrazioni napoleoniche prevede la realizzazione di una mostra-spettacolo allestita al primo piano della villa, riportata agli antichi splendori attraverso l’utilizzo di arredi di provenienza teatrale e la riproduzione virtuale di scenografie immersive; su di esse si muoveranno i personaggi che di quella scena sono stati i protagonisti, proiettati sulle pareti, in un intersecarsi di rapporti dialettici tra loro e il pubblico. Il testo teatrale, fondato su una puntuale documentazione storica, consentirà di far rivivere Napoleone, la sua famiglia e la corte durante la loro permanenza nella villa di Mombello, cogliendoli sia nella dimensione pubblica che privata, anche attraverso la lettura di carteggi epistolari.

Ma non solo: il percorso delle vicende napoleoniche nel prosieguo della successione cronologica verrà proposto in una camera immersiva attraverso la proiezione di fumetti, documenti, sequenze filmiche selezionate, che faranno rivivere le tappe più significative delle esperienze belliche ed umane di Napoleone. Tali prodotti saranno poi raccolti in un graphic novel.

Le immagini registrate potranno essere montate successivamente in un video, in modo da ottenere un prodotto cinematografico utilizzabile in situazioni diversificate, come le visite guidate o eventi culturali.

Da mettere in campo nella realizzazione di tale progetto abbiamo le nostre competenze, conoscenze, esperienze, maturate in tanti anni di progettualità sul campo, grazie alla collaborazione con esperti che fanno parte ormai della nostra storia artistica, scientifica e culturale.

La realizzazione del nostro ambizioso progetto implica però anche il coinvolgimento di esperti nelle nuove modalità espressive individuate che sono stati ricercati nel mondo della cinematografia.

Abbiamo sottoposto il nostro progetto all’attenzione di altri soggetti, come il Comune, la Provincia, la Regione, interessati quanto noi alla valorizzazione di Villa “Pusterla Crivelli” di Limbiate e alla commemorazione del bicentenario della morte di Napoleone. Abbiamo riscontrato subito grande interesse e partecipazione anche da parte dell’Institut français Milano e del Consolato Generale di Francia. Pensiamo che solo unendo le nostre risorse potremo cogliere questa opportunità, non solo di celebrare degnamente un evento storico di grande rilevanza, ma di porre le fondamenta per un processo più ampio di valorizzazione di Villa “Pusterla Crivelli“, dell’Oratorio di San Francesco e del nostro territorio.

Ne beneficeranno i cittadini, gli studenti, i soggetti attivi coinvolti, in una prospettiva di servizio a favore della cultura, della valorizzazione del nostro patrimonio storico-artistico e del recupero di una normalità più ricca e propositiva.

Descrizione del Progetto

Il primo piano della villa è concepito come spazio scenico in cui il fantasma di Margherita Pusterla, straordinariamente dotato della facoltà di osservare il presente e di prevedere il futuro, ci guiderà alla scoperta delle personalità contrastanti e complesse della corte napoleonica. Quadri, specchi, pregiate tappezzerie verranno riprodotti sulle pareti con retroproiezioni su cui si muoveranno i personaggi.

Il pubblico assisterà alla proiezione di sequenze documentative dei personaggi e delle atmosfere di corte, ma verrà anche chiamato a far parte di quel mondo, entrando in una camera immersiva in cui vedrà riprodotti il corteo nuziale della notte del 13 giugno 1797, il matrimonio tra Paolina e il generale Leclerc, e tra Elisa e Felice Baciocchi; prenderà poi parte a quel banchetto, convitato tra i convitati, in un magico salto nel tempo. L’esperienza napoleonica diventerà storia emozionale ed attuale per ciascuno degli spettatori.

Nella camera immersiva il pubblico assisterà alla proiezione di sequenze di alcune battaglie successive alla Campagna d’Italia (Austerlitz, Trafalgar e Waterloo), particolarmente significative per la storia di Francia e del mondo, attraverso modalità diverse di espressione: fumetto, sequenze cinematografiche, documenti introdotti da una voce narrante.

Il progetto prevede la collaborazione con un videomaker che provvederà a girare le immagini, a registrare le voci e a montare il materiale filmico in collaborazione con una regista professionista e con un esperto di proiezioni per creare le realtà virtuali. Allestimenti scenici e proiezioni verranno affidati a personale altamente qualificato.

Agli studenti verranno assegnati i ruoli della maggior parte dei personaggi, ma i protagonisti della corte verranno interpretati grazie all’ausilio delle voci di attori professionisti.

A cura di:

Drammaturgia: Emilia Bisi

Regia: Paola Perfetti

Fotografia, riprese e montaggio: Gianluca Angioi

Fonico: Vittorio Mazzola

Secondo operatore: Roberto Tonelli

Allestimento e costumi: Grandi Spettacoli

Testi su battaglie napoleoniche: a cura di Leyla Albala e Davide Maggi

Coordinamento: Christian Talpo

L’iniziativa “Napoleone 2021” offre diversi momenti per celebrare il 200° anniversario della morte di Napoleone Bonaparte. Oltre alla mostra-spettacolo il visitatore potrà scoprire Villa Crivelli, nobile dimora dove soggiornarono Napoleone e Ferdinando IV, per l’occasione allestita con l’esposizione di materiali come la riproduzione dell’atto di matrimonio delle sorelle Elisa e Paolina Bonaparte, la proiezione della tela del pittore cinquecentesco Bernardino Campi e altre curiosità che legano il territorio limbiatese ai libri di storia. Una serie di concerti di musica classica farà da cornice alla mostra, aperta nei fine settimana dall’8 maggio al 13 giugno.

Concerto inaugurale “Carmen” di Bizet

Riduzione con coro a tre voci della Carmen di Bizet in versione italo-francese

Sabato 8 maggio 2021 ore 12.30 (diretta streaming)

A causa della normativa Coronavirus l’evento si svolgerà a porte chiuse. Il concerto sarà trasmesso con una diretta streaming sul sito web e sulle pagine Facebook e YouTube del Comune di Limbiate.

Mostra-spettacolo “STUPORE ALLA CORTE DI NAPOLEONE. Percorso di teatro virtuale tra luci e ombre del passato”

Ingresso SU PRENOTAZIONE.

Esposizione “NAPOLEONE TRA STORIA E FANTASIA” – Graphic novel 

L’accesso all’esposizione è libero prenotando l’ingresso alla mostra-spettacolo.

Concerti “IL RISVEGLIO DEL TEMPO. Momenti musicali a Villa Crivelli”

Concerti di musica classica all’aperto in orario preserale a cura del Liceo Musicale “Zucchi” di Monza

Sabato 9, sabato 15 e domenica 30 maggio alle ore 18.00 + concerto finale domenica 13 giugno ore 18.00. Ingresso SU PRENOTAZIONE.

COME RAGGIUNGERCI: VIA GARIBALDI, 115 – LIMBIATE 20812 (MB)
(in alternativa: VIA MONTE GRAPPA, 40)

Costruita nel XIV secolo per volere dei signori Pusterla come dimora suburbana, fu acquistata dalla famiglia Arconati nel 1579 ed ai primi del Settecento venduta al Conte Giuseppe Angelo Crivelli, che la trasformò in una lussuosa residenza con giardino all’italiana.

La villa fu teatro d’importanti avvenimenti storici. Nell’Ottocento era conosciuta come la villa di Napoleone, perché lì fissò la residenza l’imperatore francese durante la campagna d’ Italia. Un secolo più tardi, la settecentesca Villa Pusterla-Crivelli e il suo grande parco vennero trasformati nell’ospedale psichiatrico Giuseppe Antonini, noto a tutti come il «manicomio di Mombello». Oggi, che la struttura sanitaria è stata di fatto smantellata, Villa Crivelli è sede dell’Istituto di Istruzione Superiore Luigi Castiglioni.

Costruita nel 1754 dall’ architetto Francesco Croce sui resti di edifici che risalivano addirittura al Medioevo, Villa Pusterla-Crivelli ospitò nelle sue stanze il re delle Due Sicilie, Ferdinando IV, oltre a Napoleone.

Nella tenuta di Mombello risiedevano la madre dell’imperatore, Maria Nunziata, e le tre sorelle Carlotta, Elisa e Paolina. E, sempre qui, nella notte tra il 13 e il 14 giugno 1797 Paolina sposò il generale Leclerc (matrimonio durato poco per morte prematura del generale; poi in seconde nozze con il principe Borghese a Roma), mentre Elisa convolò a nozze con Felice Baciocchi. Il matrimonio fu celebrato all’interno dell’Oratorio di San Francesco adiacente alla Villa, costruito dal Croce su commissione dei Crivelli e luogo in cui era esposta la Pala d’altare di Bernardino Campi.

Ulteriori informazioni su:

Ville Aperte 

Ville gentilizie lombarde

FAI

Lombardia Beni Culturali

Bernardino Campi (Cremona o Reggio nell’Emilia, 1522 circa – Reggio nell’Emilia, 1591 circa) fu un pittore italiano di cultura cremonese formatosi nelle corti emiliane tardo rinascimentali.

La sua carriera artistica si sviluppò tra Cremona e Milano. All’epoca nel capoluogo lombardo i pittori cremonesi erano particolarmente apprezzati e richiesti per la loro pittura colta, elegante e raffinata.

Formatosi nelle botteghe di Giulio Campi e Ippolito Costa e influenzato dalla maniera del Parmigianino, il Campi esordì sulla scena artistica cremonese nel 1541 con gli affreschi (oggi perduti) a Palazzo Trivulzio, guadagnandosi fama precoce.

Giunse a Milano intorno alla metà del secolo e trovò presto estimatori tra gli uomini politici più influenti.

Fu Ferrante Gonzaga, governatore di Milano scelto da Carlo V, che lo chiamò a corte commissionando diverse opere, soprattutto ritratti.

A Milano il Campi eseguì il suo dipinto più celebre, le “SS. Cecilia e Caterina” per la Chiesa di San Sigismondo a Cremona.

Tre anni dopo il Campi eseguiva la pala “Madonna venerata dai Santi Giovanni Battista e Dalmazio”, firmata e datata 1569

L’opera fu realizzata per l’arciprete di San Dalmazio di Paderno Ponchielli (Cremona) in occasione della ristrutturazione della chiesa, effettuata dopo l’incendio che la colpì nel 1564.

La pala fu venduta nel Settecento a Gaetano Stefano Crivelli, proprietario dell’omonima Villa limbiatese, che nel 1754 aveva commissionato all’Arch. Francesco Croce la costruzione dell’Oratorio di San Francesco. 

Esposta inizialmente all’interno dell’Oratorio, la pala è un olio su tela dal linguaggio severo e purificato, ricca di dettagli che fanno eco al suo preziosismo e raffinatezza stilistica. 

All’interno di una composizione triangolare il Campi raffigura una “Vergine in gloria”, attorniata da angeli posti a corona, con due Santi ai suoi piedi: Giovanni Battista sulla destra e San Dalmazio sulla sinistra. 

La tela fu sostituita (probabilmente dal Crivelli) con una copia ed inserita nell’originale cornice lignea, dove rimase fino al XX secolo prima di essere trafugata.

Solo studi recenti (dal 1995) hanno riportato in luce le vicende della tela del Campi a Limbiate, riscoprendo una storia importante per il territorio.

L’opera originale, completamente restaurata, si trova oggi a Palazzo Isimbardi (Sala Pedenovi).

DOVE: VIA GARIBALDI, 115 – LIMBIATE, 20812 (MB)
(in alternativa: VIA MONTE GRAPPA, 40)

PRENOTAZIONI SUL SITO: VILLE APERTE

Calendario

Mostra-spettacolo “STUPORE ALLA CORTE DI NAPOLEONE. Percorso di teatro virtuale tra luci e ombre del passato”

e concerti “IL RISVEGLIO DEL TEMPO. Momenti musicali a Villa Crivelli”

Negli orari dello spettacolo sarà sempre aperta la mostra “NAPOLEONE TRA STORIA E FANTASIA” – Graphic novel 

8 maggio 2021

Ore 12.30 – Concerto inaugurale con la riduzione a tre voci dell’opera “Carmen” di Bizet (SOLO ONLINE in diretta streaming)

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Visita mostra-spettacolo

9 maggio 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Concerto del Liceo Musicale “B. Zucchi” di Monza

15 maggio 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Concerto del Liceo Musicale “B. Zucchi” di Monza

16 maggio 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Visita mostra-spettacolo

22 maggio 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Visita mostra-spettacolo

23 maggio 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Visita mostra-spettacolo

29 maggio 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Visita mostra-spettacolo

30 maggio 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Concerto del Liceo Musicale “B. Zucchi” di Monza

5 giugno 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Visita mostra-spettacolo

6 giugno 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Visita mostra-spettacolo

12 giugno 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Visita mostra-spettacolo

13 giugno 2021

Ore 14:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 16:00 – Visita mostra-spettacolo

Ore 18:00 – Concerto del Liceo Musicale “B. Zucchi” di Monza (luogo e diretta streaming in fase di definizione)

La mostra-spettacolo “STUPORE ALLA CORTE DI NAPOLEONE. Percorso di teatro virtuale tra luci e ombre del passato” è curata, oltre che dagli studenti e docenti dell’Istituto Castiglioni, da:

Drammaturgia: Emilia Bisi

Regia: Paola Perfetti

Fotografia, riprese e montaggio: Gianluca Angioi

Fonico: Vittorio Mazzola

Secondo operatore: Roberto Tonelli

Allestimento e costumi: Grandi Spettacoli

Testi su battaglie napoleoniche: a cura di Leyla Albala e Davide Maggi

 

Il concerto “Carmen” di Bizet è curato da:

Associazione Culturale “Nuovi Confini” con il contributo economico di Carrefour Italia

I concerti del fine settimana sono offerti da:

Liceo Musicale “B. Zucchi” di Monza

 

Con la collaborazione e il patrocinio di: 

  • Regione Lombardia
  • Provincia di Monza e Brianza
  • Comune di Limbiate
  • Consulat Général de France à Milan
  • Institut français Milano
  • Comitato Napoleone a Mombello